Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti. Continuando la navigazione o chiudendo questo banner, presti il consenso al loro utilizzo.

DA DOMANI A RAGUSA IBLA AL VIA LA 25^ EDIZIONE CON IL TRADIZIONALE VARIETA’ DEI SALUTI E L’ATTESISSIMA REUNION DE “LA CASBAH” CHE RITORNA SULLE SCENE DOPO 16 ANNI

conferenza-stampa-ibla-buskers-2019.jpeg
RAGUSA – 500 artisti provenienti da tutto il mondo in 25 anni di storia. Festa di compleanno speciale per il festival “Ibla Buskers” che da domani, giovedì 10 ottobre, a domenica 13 ottobre, a Ragusa Ibla celebra l’arte di strada con un’edizione indimenticabile con cui festeggia un traguardo importante, appunto il quarto di secolo. Se in questi anni sono stati 500 gli artisti provenienti da tutto il mondo, solo quest’anno sono ben 50 gli ospiti internazionali che accompagneranno nel loro magico mondo gli spettatori. Stamani, al Comune di Ragusa, è stato presentato l’intero programma alla presenza dell’assessore alla Cultura Ciccio Barone, dei rappresentanti dell’associazione Edrisi, Ciccio Pinna e Antonio Lacognata. Si inizia domani, giovedì 10 ottobre, alle ore 21.00, con il consueto cabaret di apertura ai Giardini Iblei, che riunirà tutti gli artisti di questa edizione in un mosaico di sketch esilaranti come anteprime dei loro spettacoli. “Venticinque anni di una manifestazione che riesce ad animare il centro storico, portando artisti da tutto il mondo, ma soprattutto coinvolgendo tantissime persone e fruitori che arrivano da tutta la Sicilia – ha commentato l’assessore Barone - Non è semplice organizzare un evento di questo tipo che richiama anche presenze dall’estero, ma ci crediamo e continuiamo a sostenere appuntamenti simili che portano Ragusa alla ribalta nazionale e internazionale”. Tra i momenti più attesi, uno speciale regalo di compleanno che Ibla Buskers si farà domani, giovedì 10 ottobre, subito dopo il cabaret di apertura, sempre ai Giardini Iblei, con la reunion de La Casbah, storico gruppo siciliano che dopo sedici anni dall’ultimo concerto torna a solcare il palcoscenico. “Siamo partiti con l’obiettivo di valorizzare Ragusa Ibla. Ricordiamo ad esempio che nel ‘95 quando abbiamo iniziato, Piazza Duomo era solo un parcheggio. Oggi Ragusa Ibla è patrimonio dell’Umanità – ha ricordato Ciccio Pinna che con Salvo Frasca firma la direzione artistica – E oggi Ibla Buskers è uno dei festival più importanti e noti in Italia e all’estero e di questo siamo molto orgogliosi. Anche quest’anno in programma novità e conferme, come l’evento Flash, la produzione firmata Ibla Buskers, e il momento Focus dedicato per questa edizione alla “ruota”. Tra gli appuntamenti da evidenziare – continua Pinna - anche l’evento con Massimo Leggio che interpreterà la storia del Castello Vecchio, ovvero il castello arabo-normanno che sorgeva nell’attuale ex distretto militare. Attenzione e valorizzazione al quartiere Arancelli poi, un quartiere sub-urbano, nella confluenza tra i fiumi San Leonardo e Irminio, chiamato appunto “il quartiere dei fiumarari”, dove si pescavano le anguille e le donne andavano a lavare i panni.”. La riscoperta della memoria collettiva è stata approfondita anche dal direttore organizzativo Antonio Lacognata: “Ogni anno abbiamo cercato di valorizzare i vari quartieri antichi di Ragusa Ibla – ha commentato - Abbiamo fatto conoscere il Borgo dei Cosentini, la filanda, la giudecca, il quartiere di via Velardo. E stiamo cercando di valorizzare altri luoghi per restituire alla collettività una visione di quella che fu l’Ibla medioevale. Quest’anno – continua Lacognata - stiamo inserendo altri due tasselli, ovvero il recupero della memoria storica del Castello di Ragusa, anche attraverso dei pannelli informativi per fare riportare alla luce l’intera vicenda, e poi il quartiere Arancelli con la chiesa di Sant’Antonio Abate, che sembra chiedere di essere recuperata e lo faremo attraverso un percorso rupestre ad hoc”. Confermati per tutto il fine settimana anche l’Ibla Bazar ai Giardini iblei e la Kids Zone con i laboratori rivolti ai bambini mentre Rai Gulp realizzerà alcune riprese durante l’evento. Fitto il programma di venerdì 11 ottobre con gli spettacoli sparsi in giro per il quartiere barocco: Santiago Baculima (20.30 – Cancelleria); FruttillasConCrema (21.00 – Piazza Repubblica; 23.20 Duomo Basso); Cronocopia (22.00 – Piazza Repubblica); Fratelli La Strada (22.15 – Salita de Gaspano); la proiezione del video sui 25 anni di storia “IBlob” (21.15 – Giardino del Distretto). E ancora: Massimo Leggio (22.10 - Giardino del Distretto); Pepino e Fedele (21.40 – Distretto; 22.40 - Duomo Basso); Flash con i Deconposes (23.10 – Distretto); El Goma (21.30 – Duomo Alto); Nube (20.30 – Duomo basso); Circo Ramingo (20.30 - S. Giacomo; 23.00 – Piazza Pola). In programma anche Pepa Lopez (21.00 e 22.45 - Sala Falcone Borsellino); La Banda de Otro (22.30 – Università); H.U.G.S. (21.15 e 22.30 Piazza Marini); Focus (21.45 e 23.00 - S. V. Ferreri); Tobia Circus (22.15 - S. Giacomo); Age of Glass (00.00 - Giardini Iblei). Per raggiungere Ragusa Ibla, anche quest’anno, saranno disponibili i bus navetta con capolinea via Epicarmo a Ragusa e la Chiesa del SS. Trovato a Ibla. Il programma completo della manifestazione è consultabile online sul sito www.iblabuskers.it e sui canali social. 09 ottobre 2019 ufficio stampa Michele Barbagallo per MediaLive
La festa meticcia dal cuore siciliano. Da oltre vent’anni centinaia di artisti provenienti da tutto il mondo raggiungono la cittadella barocca di Ragusa Ibla per dare vita alla festa popolare di Ibla Buskers. Giunto alla sua 25esima edizione il Festival è oggi uno dei maggiori eventi culturali del sud Italia e conta circa 60.000 visitatori annui, mantenendo inalterato il suo originario spirito artigianale capace sempre di ricreare quella magica alchimia tra artisti e pubblico nel palcoscenico naturale delle strade e delle piazze di Ragusa Ibla.

Social

IBLABUSKERS © 2018. Tutti i diritti riservati.